Castello Corvinilor di Hunedoara, tra leggende ed eroi

      Tutti hanno sentito parlare del famoso Castello Corvinilor di Hunedoara, il monumento medievale meglio conservato nell'Europa sud-orientale, ma pochi sanno che il forte non è l'unica attrazione del tutto. Nel cortile esterno del castello eretto su una roccia, nel XV secolo, da Iancu de Hunedoara, si trova la Corte degli Ussari. Qui, i turisti possono visitare una casa della corporazione, un museo di storia e archeologia, ma anche un'esibizione di tortura, il tutto allestito in vecchi edifici del XVII secolo.


Il castello Corvinilor di Hunedoara ha una storia di oltre sei secoli ed è attualmente uno dei monumenti più visitati della Romania. I turisti di tutto il mondo hanno varcato la soglia e sono rimasti colpiti dalla bellezza e dalle leggende che la attraversano, ma molti dei segreti della fortezza sono rimasti sconosciuti al grande pubblico.

Secretele Castelului Corvinilor. Zece lucruri mai puţin cunoscute despre monumentul fascinant al Hunedoarei

 

 


Leggenda del corvo

Sullo stemma della famiglia Corvins è inciso un corvo che regge un anello d'oro nel becco. L'attribuzione di questo simbolo della famiglia ha una leggenda. Si dice che Giovanni di Hunedoara fosse un figlio illegittimo di Sigismondo di Lussemburgo, re d'Ungheria, con una bella donna della Terra di Hateg, di nome Elisabetta. Per impedirle di essere disonesto, il re dà a suo marito uno dei suoi più coraggiosi, Voicu, dandole anche un anello come regalo per il nascituro, per essere riconosciuto quando cresce e va alla corte reale. Durante un viaggio fatto dalla famiglia di Voicu, fermandosi per il pranzo, l'anello viene dimenticato sul bordo della serranda su cui sono stati posizionati gli snack. Un corvo, attratto dal bagliore dell'anello, lo stava rubando, cercando di cavarsela. Il bambino Giovanni di Hunedoara prende un arco e frecce il corvo, recuperando così l'anello. Quando cresce e raggiunge la corte reale, racconta questa pazienza e il re, colpito da questa storia, decide che il simbolo della famiglia degli ununorenesi è l'anello d'oro nel becco. Inoltre, il nome della famiglia deriva anche dal latino "Corvus", che significa "Corb", un uccello che simboleggiava qualcos'altro nel Medioevo, vale a dire saggezza e longevità.

 

Scopri le leggende e i misteri di questo affascinante castello.


La leggenda delle fontane

Si racconta di questa fontana che fu scavata da tre prigionieri turchi che Ioan de Hunedoara teneva nel castello. John promette ai tre che li libererà se scavano un pozzo con acqua buona. I prigionieri, animati dalla speranza di liberazione, scavano nella roccia per 15 anni e a 28 metri di profondità riescono a trovare l'acqua preziosa. Solo, nel frattempo, John era morto e sua moglie, Elisabeta Szilagyi, aveva deciso di non rispettare la parola data da suo marito e non aveva rilasciato i tre turchi, decidendo di essere ucciso. I prigionieri, come ultimo desiderio, chiedono il permesso di scrivere sulle chiavi della fontana un'iscrizione: "Acqua che hai, cuore no", come una ricompensa per la promessa fatta e non mantenuta. In effetti, l'iscrizione decifrata da Mihail Guboglu recita come segue: "Chi l'ha scritta è Hassan, prigioniero delle falesie nella fortezza vicino alla chiesa". I vecchi caratteri arabi contenuti nell'iscrizione risalgono alla metà del XV secolo. La posizione attuale dell'iscrizione è su uno dei contrafforti della cappella.

 


Il castello era il luogo della tortura?

Due stanze buie all'ingresso del castello di Hunedoara hanno una storia speciale. Antichi dal XV secolo, avevano fino al 1785, dopo la fine della rivolta di Horea, Closca e Crisan, il ruolo delle camere di tortura per i prigionieri. "Dalle informazioni fornite dagli storici di quei tempi, almeno il bastione veniva usato come luogo di tortura. C'era un cavaliere al castello, che gestiva solo l'esecuzione capitale, ma aveva anche il potere di torturare i prigionieri che erano stati portati da lui. Stava per scuoiare la gente viva ”, riferisce lo storico Ioan Bodochi. Attualmente, le ex stanze in cui i prigionieri sono stati torturati sono utilizzate come spazi espositivi.

Il Castello Corvinilor si trova in Romania, nella parte sud-orientale della Transilvania, nel centro della contea di Hunedoara, nella parte sud-occidentale della città, sugli ultimi rami orientali delle montagne Poiana Rusca.

 

 

Secretele Castelului Corvinilor. Zece lucruri mai puţin cunoscute despre monumentul fascinant al Hunedoarei

Parole chiave: Castello Corvinilor di Hunedoara | leggende | Hunedoara | Romania

A PHP Error was encountered

Severity: Core Warning

Message: Module 'imagick' already loaded

Filename: Unknown

Line Number: 0

Backtrace: