La grotta di Ialomita nei Montagne di Bucegi

La grotta di Ialomita, la grotta più visitata nelle montagne, rappresenta un grande punto di interesse per il turismo nella contea di Dambovita. Alle sorgenti di Ialomita, le baracche erano necessarie già nel XV secolo, ma il monastero di Ialomita fu eretto nel XV secolo, anche all'ingresso della grotta di Ialomita.

Vedi anche il tour di 1 Giorno alla miniera di sale Slanic Prahova e Monastero di Snagov

La grotta di Ialomita si trova sul lato destro delle gole di Ialomita, nella città di Moroeni, nella contea di Dambovita, sul monte Batrana, a circa 10 km dalle sorgenti del fiume Ialomita, a un'altitudine di 1.530 m.

Quanto dura la grotta più visitata di Bucegi?

Corre su un unico livello per una lunghezza di circa 480 metri, di cui 400 metri sono accessibili ai turisti, fino al punto chiamato "all'altare" che segue una porzione di altri 80 metri, con gallerie e sale. La differenza di livello è di 60 metri. È attraversato da un ruscello e ha uno sviluppo misto, presentando sia gallerie che sale.

Chi ha costruito il monastero di Ialomita, all'ingresso della grotta?

 La bocca della grotta, a forma di semiellisse, si apre su una terrazza orizzontale, che si trova a 18 metri sopra il fondo della valle. Proprio all'ingresso della Grotta si trova il Monastero di Ialomita, costruito nel XVI secolo, fondato dal voivode del Paese rumeno, Mihnea il Cattivo.

Il monastero è stato bruciato 3 volte

 Si sospetta che l'eremo di Mihnea Voda il cattivo sarà stato bruciato e rialzato in più file, essendo costruito con travi di abete, vestito dall'alto verso il basso in un sito splendidamente scolpito. Nel 1818, l'eremo fu completamente distrutto e, nel 1819, fu eretto un nuovo eremo, più vicino alla bocca della caverna, a circa 10 metri. Nel 1940, l'eremo fu di nuovo bruciato, ricostruito tra il 1940 e il 1942, dal geronimico Mihail Bădila. Nel 1961, il 20 aprile, scoppiò un incendio nelle celle alla foce della caverna, l'eremo fu bruciato in modo permanente, senza essere completato fino al 1993.

Come è fatta la grotta di Ialomitei?

  La prima stanza della grotta porta il nome di Mihnea Voda, lunga 115 metri, larga 15 metri e alta 10-25 m. Prima del 1924, la grotta scorreva attraverso questa grotta. Oggi, il torrente entra nel sottosuolo prima di raggiungere la grotta e scorre molto più in basso verso Ialomiţa. La prossima è la galleria chiamata Passage con la lunghezza di 20 metri e la larghezza tra 1-8 metri, mentre l'altezza varia tra 1,5-2 metri. Le sale Decebal (a forma di cupola, da cui sono aperte diverse gallerie) e St. Mary's sono collegate e hanno dimensioni modeste: lunghezza tra 10-30 metri e altezza tra 2-10 metri.

La Grotta di Santa Maria si raggiunge attraversando una soglia di grandi massi umidi. Il nome della stanza deriva dalla somiglianza di una stalagmite alla statua della Vergine Maria. La cavità più grande di questa grotta è rappresentata dalla Sala degli orsi. È senza acqua e ha un terreno roccioso. La Bear Hall o la Great Hall è lunga 72 metri, larga 35 e alta 25. Altre sale: Hades Hall. Dalla Sala degli Orsi si apre una galleria di 2 metri di altezza chiamata il fondo della grotta, che, inoltre, conteneva numerosi pilastri che collegavano la volta al suolo. Segui la Water Gallery fino all'altare dove scorre il ruscello della grotta. La grotta è accessibile all'altare. Qui, le stalattiti sono posizionate in modo tale da dare l'impressione di un altare della chiesa.

L'ultima casa dell'orso delle caverne

 

Alla scoperta della Sala degli Orsi, furono rinvenute numerose ossa e persino scheletri dell'orso delle caverne, "Ursus Spelacus Blum", tra cui alcuni in superficie, il che portò a supporre che, 10.000 anni fa, qui c'erano gli ultimi orsi degli orsi. caverna.

Mistero: vergini missilistiche con occhi scintillanti di poteri magici

 I monaci del monastero avrebbero raccontato ai credenti le visioni che hanno mostrato negli anni all'interno delle grotte. "Una sera, entrando nel regno delle ombre nella grotta sepolta sotto la montagna, hai visto le pareti prendere vita e correre attraverso i cavi vuoti della terra, nascondendosi che brillavano come la ragazza di Morgan, perdendosi in specchi paralleli che mi facevano girare la testa. il loro gioco di luci e ombre.

Vergini ferme con occhi scintillanti di poteri magici danzavano il gioco della lana avvolta in veli trasparenti e campane ai loro piedi, poi mi immergevano nel turbine della loro ora pazza e mi salirono su un carro di cavalli infuocati, mi portarono sopra sulle montagne, su piscine solitarie e rocce solitarie, le loro risate e il canto incantato mi risuonano alle orecchie per molto tempo, come un incantesimo non terrestre ... ”, scrive muntii-bucegi.ro.

Pietra dell'altare"

Nel profondo della caverna a circa 200 metri c'è una pietra, chiamata "Pietra dell'altare", dove secondo la tradizione dei coloni venivano eseguiti i santi. La costruzione in legno dall'ingresso della grotta Ialomitei fu bruciata nel 1818 e fu ricostruita dal sacerdote Gheorghe Ion Baltag e dalla geromona Gherontie di Petrosita. Intorno a lei c'erano diverse celle dove erano necessari i pii monaci. Fonte: crestinortodox.ro

Sihastrul, amico degli orsi 

Nella prima metà del diciannovesimo secolo, nella piccola grotta di Ialomicioara, era necessario un burattino, il cui nome non è noto né il luogo in cui si esibiva, insieme all'orso, essendo l'unico caso noto nel monachesimo rumeno quando un cucciolo è necessario e servito da animali. selvatico.

Come arrivare alla grotta di Ialomita

In treno: stazione ferroviaria di Busteni - stazione ferroviaria di Busteni - Babele - grotta della caverna.

In auto: Bucarest - Sinaia (DN 71 verso Târgovişte) - Cabana Cuibul Dorului - Sella Dichiului - Bolboci - Diana - Padina - Grotta Ialomita.

Parole chiave: La grotta di Ialomita | Monastero di Ialomita | Dambovita | Mihnea Voda | caverne | Pietra dell'altare"